HAWAII

Cinquantesimo stato americano, nel mezzo dell’Oceano Pacifico, questo popolarissimo arcipelago vulcanico prende il nome dalla più grossa delle sue isole, Hawaii appunto.

Gli hawaiani, originari di etnie indigene polinesiane poi mescolate ad europei, filippini, giapponesi e cinesi, ed ancor oggi molto legati alle proprie tradizioni, sono una popolazione gentile ed ospitale come ce ne sono poche altre.

Per loro, ogni cosa ha un significato, nascosto e profondo da ricondurre alle secolari tradizioni che si tramandano: per esempio, ogni mese ha una sua festa celebrata con festival ed eventi che vedono protagonista, di volta in volta, una delle isole.

Musica, cultura, folclore, gastronomia e sport si mescolano e susseguono per dar vita ad uno spettacolo insolito e particolare: tra ghirlande di fiori (le tradizionali “LEI”), esibizioni di HULA, campionati di CANOA POLINESIANA e le immancabili note dell’UKULELE si celebrano le antiche leggende della tradizione sacra hawaiana, fatte di tramonti e notti stellate, amori proibiti, re e regine e spiriti della natura.

Tutto ciò, unito ad una natura incredibilmente rigogliosa ed un territorio di origine interamente vulcanica (si trova qui infatti il vulcano inattivo più grande del mondo, l’HALEAKALA), non può che rendere le Hawaii un paradiso terrestre ed una nazione davvero unica.

Un’altra particolarità di questo eden, per costituzione del territorio, sono le SPIAGGE: se ne possono trovare di tutti i colori, dalla nere (la “classica”) alla rossa, dalla verde all’arancione come quella di MOLOKAI che al tramonto diventa uno spettacolo da non perdere!!

In questa esplosione di natura e colore, non poteva che esserci una tradizione culinaria molto originale, in cui si mescolano tradizioni gastronomiche polinesiane, europee, americane ed asiatiche.

Si spazia quindi dal “SAIMIN” (una zuppa simile al ramen) agli immancabili e meravigliosi “COCO PUFF” (letteralmente “sbuffi al cocco”), dai popolari HAWAIAN BURGER (come il mitico Big Kahuna Burger di Pulp Fiction) al pregiato caffè di KONA oltre ad ananas, patate dolci ed il tipico “TARO”, tubero simile ad una patata.

Ma il piatto hawaiano più celebre oggi in tutto il mondo è  il POKE o POKE’, a base di pesce crudo, servito come antipasto o piatto unico. Chiamato anche Poke Bowl,perché solitamente consumato in ciotole, è gustoso e colorato ed il nome significa, letteralmente, “tagliare a pezzi”. Questo deriva dall’usanza dei pescatori che, in origine, usavano come pasto gli scarti del pesce tagliato appunto a tocchi ed insaporito con sale, alghe e spezie. Diventato quasi un simbolo nazionale e largamente diffuso, ha però origini antiche perché pare esistesse già nel 1800.

Oggi le Poke bowls più diffuse sono senz’altro quelle a base di tonno o salmone a cui si affiancano solitamente germogli, alghe, pomodori e cetrioli, avocado, ananas e mango ed una base di riso o altro cereale, il tutto insaporito da condimenti quali salsa di soya o salse a base di yogurt e maionesi.

E’ dunque un piatto molto versatile che si presta bene ad essere personalizzato e variato, lasciando libero sfogo alla fantasia ed al gusto di ciascuno: bello, colorato e salutare è il “food trend” del momento.

Non aspettare ancora! Organizza anche tu la tua personalissima “fuga virtuale” alle Hawaii: prepara la tua Poke e dai sfogo alla creatività e potrai  gustare in poco tempo una ricetta sana, completa e bilanciata ma soprattutto molto esotica!!!!

ALOHA !!!

Froghy

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Froghy Style

CHE GUSTO HA IL TUO COLORE PREFERITO?

“Mangiare con gli occhi”, “Non ci vedo più dalla fame” … questi, e molti altri, sono fra i tanti modi di dire che collegano insindacabilmente la vista al cibo.

IL GIRO DEL MONDO IN 80 PIATTI

Se pensi ad un cibo particolare o a quel “tal pasto”, per te è un ricordo vivido, reale, la chiave che ti apre un immediato collegamento con il luogo in cui lo hai mangiato la prima volta o le persone con cui lo hai gustato.

Articoli correlati

MEXICO

Lo street food che più mi ha colpita, perché poco conosciuto qui da noi, si chiama “ESQUITE ASADO”, chicchi di mais cotti alla piastra, riccamente conditi e serviti “en vaso”.

ERNEST HEMINGWAY

Bar, caffè, ristoranti e trattorie sono sfondo e luogo di incontro dei personaggi che rivivono tra le sue pagine

AUDREY HEPBURN

Attraverso la vivace alternanza di storie, foto, ricordi e ricette, il figlio Luca Dotti presenta un ritratto privato ed inedito dell’iconica diva di Hollywood

Grazie ... ti risponderò al più presto