A tavola in compagnia

“Mangiare è una necessità, ma mangiare intelligentemente è un’arte”. (F. de La Rochefoulcauld)

La scelta del cibo, ma soprattutto il modo di cucinarlo, è l’espressione più profonda di noi stessi, dei nostri umori, del nostro carattere e dei nostri sentimenti; è il piacere di trasformare in modo creativo ciò che la natura ci offre.

Gusto ed emozioni sono strettamente correlati ed il cibo è il mezzo per veicolare ricordi ed emozioni legati al proprio vissuto.

Oggi, i ritmi frenetici della vita quotidiana ci portano a considerare il pasto e la sua stessa preparazione come attività da risolvere rapidamente, senza badare alle sensazioni ed alle conseguenze che ne possono scaturire. Ma mangiare con piacere ed equilibrio è un diritto a cui non dobbiamo affatto rinunciare, perché, senza che quasi ce ne accorgiamo, ci offre ripetutamente la fantastica occasione di condividere, comunicare ed assaporare nel profondo momenti, emozioni, luoghi che altrimenti ci saremmo persi.

Il cibo, infatti, non è solo fonte di nutrimento, ma è soprattutto una vera e propria “dimensione personale”, un linguaggio speciale ed interculturale, un mezzo per prenderci cura di noi stessi e di chi ci sta intorno.

Su questo spirito e queste convinzioni si fonda Froghy, lo spazio nel quale, oltre a spunti e curiosità legati a cibo e cucina, potrai trovare ricette non troppo elaborate e sufficientemente pratiche , ma al tempo stesso sfiziose ed appetitose: sono parte del mio personale e quotidiano stile di vita, attento, da un lato, a mantenere una certa leggerezza e genuinità in ogni piatto, dall’altro, a trasmettere soprattutto la gioia ed il saper vivere che ogni piatto, anche il più semplice, racchiude in sé.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Froghy Style

CHE GUSTO HA IL TUO COLORE PREFERITO?

“Mangiare con gli occhi”, “Non ci vedo più dalla fame” … questi, e molti altri, sono fra i tanti modi di dire che collegano insindacabilmente la vista al cibo.

IL GIRO DEL MONDO IN 80 PIATTI

Se pensi ad un cibo particolare o a quel “tal pasto”, per te è un ricordo vivido, reale, la chiave che ti apre un immediato collegamento con il luogo in cui lo hai mangiato la prima volta o le persone con cui lo hai gustato.

Articoli correlati

MEXICO

Lo street food che più mi ha colpita, perché poco conosciuto qui da noi, si chiama “ESQUITE ASADO”, chicchi di mais cotti alla piastra, riccamente conditi e serviti “en vaso”.

ERNEST HEMINGWAY

Bar, caffè, ristoranti e trattorie sono sfondo e luogo di incontro dei personaggi che rivivono tra le sue pagine

HAWAII

In questa esplosione di natura e colore si mescolano tradizioni gastronomiche polinesiane, europee, americane ed asiatiche.

Grazie ... ti risponderò al più presto