MEXICO

Attraversato dal Tropico del Cancro e congiunzione tra Stati Uniti ed America Latina, il Messico (il cui nome poeticamente significa “nell’ombelico della luna”, facendo riferimento alla conformazione geografica) è oggi una ricercatissima meta per viaggi e vacanze sia culturali sia balneari poiché, soprattutto nella regione dello Yucatan, coniuga  rovine maya di epoca precolombiana con bianche spiagge di sabbia lambite dalle tiepide ed azzurre acque caraibiche.

Un vero paradiso che offre ad ogni viaggiatore un paesaggio estremamente variegato, combinando insieme pianura, montagna, mare e jungla, e vantando anche un’incredibile varietà di specie animali e vegetali: oggi, infatti, è considerato uno dei 17 paesi più “biodiversi” della terra!

E proprio questa varietà, accanto alle contaminazioni e alle influenze culturali dei popoli che vi si sono susseguiti nel tempo, si riflette nella vivace e variegata offerta culinaria che troviamo oggi in Messico.

Tra storie di Indios, Maya, Atzechi e colonizzatori europei, unite alla vicina influenza statunitense, è facile immaginare come un soggiorno in questo paese diventi rapidamente una  suggestiva ed emozionale esperienza fatta di sapori, natura, storia e… tanto tanto colore!

In Messico, poi, è facile trovare da mangiare a qualsiasi ora un po’ ovunque grazie alla grande diffusione dell’ormai noto “street food”: i “COMIDA CALLEJERA” sono truck-food che offrono diverse alternative, tra TACOS, TORTILLA, GORDITAS, BURRITOS e TAMALES, accompagnati da un MARGARITA o dall’immancabile “CERVEZA”, la famosissima Corona.

Ma lo street food che più mi ha colpita, perché poco conosciuto qui da noi, si chiama “ESQUITE ASADO” e viene venduto in Messico agli angoli delle strade dalle venditrici indigene che, armate di un fornelletto trasportabile, a carbone, ricordano un po’ i venditori nostrani di caldarroste.

Gli esquites sono chicchi di mais cotti alla piastra, riccamente conditi e serviti “en vaso”, cioè in tazza, e possono diventare uno sfiziosissimo snack o un goloso “appetizer” super facile e veloce da preparare.

Ti invito quindi a metterti ai fornelli e provare questa semplicissima specialità caraibica: otterrai un piatto dalla sicura riuscita e che saprà regalare ai tuoi commensali un inaspettato tocco di “fiesta”!!!

Alla prossima cartolina, Cra Cra

Froghy

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Froghy Style

CHE GUSTO HA IL TUO COLORE PREFERITO?

“Mangiare con gli occhi”, “Non ci vedo più dalla fame” … questi, e molti altri, sono fra i tanti modi di dire che collegano insindacabilmente la vista al cibo.

IL GIRO DEL MONDO IN 80 PIATTI

Se pensi ad un cibo particolare o a quel “tal pasto”, per te è un ricordo vivido, reale, la chiave che ti apre un immediato collegamento con il luogo in cui lo hai mangiato la prima volta o le persone con cui lo hai gustato.

Articoli correlati

ERNEST HEMINGWAY

Bar, caffè, ristoranti e trattorie sono sfondo e luogo di incontro dei personaggi che rivivono tra le sue pagine

HAWAII

In questa esplosione di natura e colore si mescolano tradizioni gastronomiche polinesiane, europee, americane ed asiatiche.

AUDREY HEPBURN

Attraverso la vivace alternanza di storie, foto, ricordi e ricette, il figlio Luca Dotti presenta un ritratto privato ed inedito dell’iconica diva di Hollywood

Grazie ... ti risponderò al più presto