PATATINE NOVELLE GUSTOSE in padella

Patate novelle in padella

Una ricetta veloce in padella per questo prodotto d’eccellenza che sono le tenere patatine novelle.

Un contorno facilmente apprezzato per la sua semplicità classica, che ben si accompagna tanto a ricercati piatti di carne quanto a secondi leggeri, di pesce o vegetariani.

Io ho preferito fare una prima e breve cottura a vapore delle patatine per velocizzare maggiormente la successiva cottura in padella, ma se preferisci puoi effettuare la cottura completa solo in padella, aumentandone però il tempo.

Cosa ti serve

Ciotola media

Tagliere

Coltello tranciante

Carta da cucina

Padella antiaderente con coperchio

Contenitore per cottura a vapore

Ingredienti

Dosi per 4 persone

Patatine novelle fresche gr 700

Cipolla di tropea pz 1 grande (o 2 piccole)

Senape salsa 1 cucchiaino abbondante

Zucchero di canna 1 cucchiaino

Rosmarino fresco 4 rametti

Alloro foglie pz 2

Sale fino 2 pizzichi

Burro chiarificato gr 10

Olio evo 2 cucchiai

Dado vegetale (ricetta QUI) 1 cucchiaino

Acqua naturale 1 tazza

Vino bianco da cucina 4 cucchiai

Pepe nero in grani 4 belle macinate (a tuo gusto)

Preparazione PATATINE NOVELLE GUSTOSE in padella

Lava bene sotto acqua corrente le patatine novelle, spazzolando delicatamente la buccia per eliminare completamente eventuali residui di terra (di queste patate si magia anche la buccia, quindi dovrà essere ben pulita!), poi sistemale nel contenitore per cottura a vapore (io uso il microonde, funzione vapore ma in alternativa fai bollire l’acqua in una pentola e tuffa le patate a sbollentare per 3-5 minuti) e fai cuocere per 4-5 minuti.

Nel frattempo, pulisci la cipolla di Tropea, sciacquala sotto acqua corrente ed affettala sottilmente appoggiandoti sul tagliere.

Fai scaldare sul fuoco basso la padella antiaderente con il burro chiarificato ed un cucchiaio di olio evo poi aggiungi la cipolla affettata, l’alloro, il dado vegetale, il rosmarino ed un dito di acqua affinché la cipolla non bruci.

Copri e fai cuocere qualche minuto fino a che la cipolla non inizia a diventare morbida e più trasparente.

A questo punto, trasferisci le patatine novelle, già leggermente sbollentate, nella padella e fai rosolare qualche minuto.

(N.B. Un consiglio: se alcune patatine sono più grosse rispetto ad altre, pratica su queste delle incisioni a metà, in modo da uniformare il tempo di cottura le une con le altre, altrimenti rischi che le piccole diventino troppo molli nell’attesa che le grandi siano cotte).

Intanto prepara il condimento da aggiungere nella padella: unisci nella ciotola l’acqua, il vino, la senape, il sale ed il pepe e lo zucchero poi emulsiona bene il tutto con la forchetta.

Versa nella padella con le patate il condimento preparato e scuoti delicatamente la padella avanti ed indietro affinché tutte le patate si insaporiscano uniformemente ed il condimento si amalgami con il contenuto.

Lascia cuocere 15 minuti circa con il coperchio leggermente alzato da un lato, per far evaporare l’acqua ed il vino.

Controlla che durante la cottura le patate non si asciughino troppo rischiando di seccare (se così fosse aggiungi ancora un cucchiaio di acqua ed uno di vino) e ogni tanto mescola il tutto, con un cucchiaione da cucina o semplicemente scuotendo la padella avanti ed indietro.

A cottura ultimata, regola eventualmente di sale ed irrora con un cucchiaio di olio a crudo.

Servi in tavola calde o tiepide.

Note e curiosità

Protagoniste appezzate di tante ricette, le patatine novelle o primaticce devono il proprio nome alla loro precocità di raccolta. Questi tuberi vengono, infatti, sono una tipica produzione primaverile, raccolte entro il mese di giugno quando ancora la maturazione non è completa.

Sfiziose e dal gusto dolce e delicato, le patate novelle sono apprezzate da grandi e piccini e contengono nutrimenti fondamentali per il nostro organismo.

A differenza delle patate tradizionali, infatti, contengono meno amido e meno potassio, ma sono più ricche di acqua, zinco e selenio, fondamentali per il nostro sistema immunitario e per i muscoli; rispetto alle sorelle maggiori, poi, hanno anche un ridotto apporto calorico ed un buon contenuto di vitamina C, risultando così un ottimo alleato, in diete ipocaloriche, come gradevole sostituto del pane.

Hanno una buccia molto tenera e sottile per questo il più delle volte si consumano senza pelarle, regalando così maggior gusto al piatto e conservando tutte le loro benefiche proprietà nutrizionali.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram

Grazie ... ti risponderò al più presto