POLPETTINE AL FORNO di CAPRINO E MELANZANE

Polpette vegetariane

Un secondo leggero e gustoso o un’idea un po’ diversa per una cena casalinga stile USA?

Queste deliziose Polpettine (al forno) di caprino e melanzane saranno perfette in entrambe le occasioni, perché potrai servirle a tavola abbinate ad una tenera insalatina o accompagnate dalle salse più amate e sfiziose, proprio come si fa con i Nuggets di pollo.

N.B.: Questa facile ricettina è un secondo perfetto anche per chi segue un’alimentazione “gluten free”.

Cosa ti serve

Pentola con coperchio per bollire

Padella antiaderente con coperchio

Pelapatate

Coltello (tipo spelucchino)

Scolapasta (o colino ampio)

Coltello tranciante

Tagliere

Tritatutto elettrico (o manuale)

Ciotola media

Grattugia fine

Forchetta

Cucchiaio

Cucchiaino

Vaschetta per impanare

Teglia bassa o leccarda da forno

Carta da forno

Piatto o vassoio di servizio

Ingredienti

Dosi per 4 persone

Dose per circa 16 pezzi:

Melanzane gr 750

Patate gr 300

Uova pz 2

Scalogno pz 2 (medi)

Formaggio caprino fresco gr 250

Pecorino o ricotta dura di capra (grattugiato) 3 cucchiai

Parmigiano (grattugiato) 1 cucchiaio

Timo fresco o secco 2 cucchiaini

Prezzemolo tritato 2 cucchiai

Succo e scorzetta edibile grattugiata di ½ lime

Pepe nero (facoltativo) 3-4 macinate

Sale fino 2 pizzichi

Peperoncino q.b. (a gusto)

Impanatura senza glutine q.b.

Olio evo 3 cucchiai

Acqua naturale 2 cucchiai

Preparazione POLPETTINE AL FORNO di CAPRINO E MELANZANE

Lava le patate sotto acqua corrente, ponile in un pentolino ricoperte di acqua e metti il tutto su fiamma vivace per portare ad ebollizione (se usi il coperchio, potrai accelerare i tempi).

Fai bollire per 15-20 minuti, fino a che, bucando con la forchetta, la polpa delle patate risulti bella morbida.

Nel frattempo, pela e sminuzza gli scalogni nella padella unta con due cucchiai d’olio evo, aggiungi anche 2 cucchiai di acqua del rubinetto, copri con il coperchio e poni su fiamma bassa a rosolare lentamente.

Spunta e pela (con il pelapatate) le melanzane, poi tagliale a dadi appoggiandoti sul tagliere ed usando un coltello tranciante di media grandezza (attenzione alle dita però!!).

Unisci allo scalogno, nella padella, i dadi di melanzana con un pizzico di sale, copri nuovamente con il coperchio e fai cuocere per circa 20 minuti a fiamma media, avendo cura di rigirare ogni tanto la verdura.

Durante gli ultimi 5-7 minuti di cottura, elimina il coperchio ed alza leggermente la fiamma, in modo che le melanzane possano rosolarsi un poco.

Quando saranno belle colorite, toglile dal fuoco e lasciale intiepidire qualche minuto.

A questo punto le patate saranno già lessate: toglile, quindi, dalla pentola di cottura, ponile in uno scolapasta e passale rapidamente sotto acqua corrente fredda, in modo da non bruciarti le dita mentre le pelerai.

Accendi il forno ventilato a 180°C e fai scaldare.

Trasferisci le melanzane intiepidite nel tritatutto, insieme al timo ed alle uova sgusciate: frulla rapidamente il tutto.

Cercando di non bruciarti le dita, sbuccia le patate e sistemale man mano nella ciotola media poi schiacciale bene con l’aiuto della forchetta.

Una volta che le patate siano tutte ben schiacciate, unisci nella ciotola il composto di melanzane, timo e uova poi aggiungi il formaggio caprino, la ricotta di capra o il pecorino grattugiati, il parmigiano, le macinate di pepe, un pizzico di sale, il succo e la scorza grattugiata di mezzo lime, il prezzemolo tritato e, se piace, un poco di peperoncino (in polvere o frantumato).

Mescola il tutto con l’aiuto della forchetta, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Versa l’impanatura senza glutine in una vaschetta per impanare e, dopo aver creato con le mani le polpettine con il composto preparato (puoi dargli la forma che preferisci: rotonda, ovale, appiattita o panciuta), rotola ciascuna polpettina nell’impanatura, in modo da ricoprirla interamente.

Sistema man mano le polpettine sulla teglia ricoperta da carta forno, irrora a filo con un poco di olio evo ed inforna, in forno già caldo, cuocendo per 20-25 minuti (a seconda del tuo forno).

Terminata la cottura, estrai la teglia dal forno e lascia le polpette qualche minuto a riposare.

Trasferisci le polpettine di caprino e melanzane sul piatto da portata e servi accompagnate da insalata o verdure grigliate.

In alternativa, puoi anche gustarle con l’aggiunta di un profumato sughetto di pomodoro fresco e qualche foglia di basilico, servito sia caldo sia a temperatura ambiente.

Polpette Caprino e Melanzane

Il consiglio di Froghy:

Se desideri dare alle tue golose polpettine un’impronta più da “fast food”, potrai sistemarle in piccoli cestini ricoperti magari di carta paglia o carta fritti e servirle con tante ciotoline contenenti le tue salsine preferite, accompagnandole, perché no, agli sfiziosissimi Bastoncini di zucchine croccanti (la ricetta qui), come ottima alternativa alle più classiche patatine fritte!

 

Note e curiosità

I benefici del formaggio di capra sono molteplici e, dato lo scarso apporto calorico a fronte di un alto contenuto nutrizionale, è particolarmente indicato in regimi alimentari controllati come anche nell’alimentazione infantile.

Considerato un energetico naturale grazie alla sua naturale concentrazione di taurina, risulta essere altamente digeribile poiché ricco di fermenti lattici ma povero di caseina.

Inoltre, rispetto al formaggio prodotto dal latte vaccino, il caprino contiene una maggior concentrazione di ferro e calcio, oltre a fosforo e vitamine (in particolare la vitamina B2) ed i suoi grassi così come le sue proteine hanno una struttura molecolare che viene assimilata meglio e più facilmente dal nostro organismo.

Il formaggio di capra, come del resto anche quello vaccino, può essere utilizzato sia in preparazioni salate sia in quelle dolci, con l’unica accortezza, in quest’ultimo caso, di aggiungergli un dolcificante naturale quale miele, sciroppo d’acero o malto, al fine di abbassare la tipica acidità che lo contraddistingue e regalargli così un gusto più armonioso e delicato.

Le poche cure richieste nell’allevamento, la notevole resistenza alle malattie e la lunga lattazione hanno reso molto spesso le capre la vera e propria base di molte economie rurali, anche in Italia dove, infatti, la produzione di formaggio caprino si è diffusa un po’ lungo tutta la penisola, oggi come un tempo.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram

Grazie ... ti risponderò al più presto