TORTA VELOCE ALLE ZUCCHINE

Torta con zucchine e menta

Una torta salata davvero rapida e con pochi passaggi, preparata con pasta sfoglia integrale e che saprà regalare una piacevolissima armonia di sapori freschi e delicati ad ogni morso.

La comodità di utilizzare le zucchine tritate a julienne (che quindi possono essere insaporite solo pochi minuti in padella!) ti permetterà di preparare questa Torta veloce alle zucchine anche all’ultimo momento e, se dovesse avanzare, potrai piacevolmente gustarla anche il giorno seguente, a temperatura ambiente, apprezzando ancor più la mescolanza di sapori che la compongono.

Per chi non può o non vuole consumare glutine, basterà semplicemente sostituire la base di sfoglia integrale con quella senza glutine disponibile in commercio nella grande distribuzione.

Cosa ti serve

Padella antiaderente

Tagliere

Coltello tranciante

Grattugia per julienne (a mano o elettrica)

Cucchiaione da cucina

Ciotola media

Tritatutto elettrico

Grattugia fine

Teglia tonda diam. cm 22

Cucchiaio

Ciotola piccola

Carta da forno

Piatto di servizio

Ingredienti

Dosi per 6 persone

Pasta sfoglia integrale (confezionata) 1 rotolo

Ricotta vaccina gr 250

Zucchine fresche gr 350

Cipolla bianca pz 1 (se grande, solo ½)

Menta fresca 6-7 foglie

Basilico fresco 10-12 foglie

Scorzetta grattugiata di 1 limone bio (ben lavato)

Pecorino (o parmigiano) grattugiato 3 cucchiai

Pistacchi tritati (o granella) 4 cucchiai abbondanti

Olio evo 2 cucchiai

Sale fino 2 pizzichi

Pepe nero 2-3 belle macinate

Uova intere pz 2

Preparazione TORTA VELOCE ALLE ZUCCHINE

Accendi il forno statico a 200°C e fai preriscaldare.

Irrora con un cucchiaio di olio evo il fondo della padella e, dopo aver sbucciato ed affettato sottilmente la cipolla su di un tagliere, poni la cipolla a rosolare nella padella su fuoco vivace, aggiungendo un cucchiaio di vino bianco da cucina in modo che non bruci.

Nel frattempo, spunta e lava le zucchine, asciugale bene con carta assorbente da cucina e grattugiale a julienne raccogliendole in una ciotola media.

Quando saranno tutte grattugiate, aggiungi anche le zucchine nella padella, mescola alla cipolla con un cucchiaione da cucina, unisci un pizzico di sale e lascia rosolare il tutto per qualche minuto.

Togli dal frigo il rotolo di pasta sfoglia in modo che si ammorbidisca leggermente ed intanto prepara l’altra parte del ripieno della torta salata.

Se utilizzi pistacchi sgusciati ma interi, versali nel bicchiere del tritatutto e sminuzzali rapidamente, poi prelevane un cucchiaio che terrai da parte per la decorazione ed aggiungi invece agli altri rimanenti nel tritatutto anche le foglie lavate ed asciugate di menta e basilico con la scorzetta grattugiata del limone, poi aziona il mixer e sminuzza finemente il tutto.

Nella ciotola media unisci la ricotta, il pecorino grattugiato, il trito di pistacchi, menta, basilico e limone, un pizzico di sale, un cucchiaio di olio evo, 3 belle macinate di pepe e le uova, poi mescola energicamente con una forchetta per ottenere un composto cremoso ed omogeneo.

Spegni il fuoco sotto la padella ed unisci le zucchine rosolate al composto cremoso appena preparato: mescola bene il tutto con la forchetta.

Fodera la teglia con carta forno e, dopo averla delicatamente srotolata, sistema il disco di pasta sfoglia nella teglia in modo che il bordo tutto intorno fuoriesca e sia ripiegato all’esterno.

Versa il ripieno preparato (contenuto nella ciotola media) nel guscio di pasta, livella con il retro di un cucchiaio e cospargi la superficie con il restante cucchiaio di pistacchi tritati.

Ripiega verso l’interno la parte di pasta oltre il bordo della teglia creando un contorno sulla superficie della torta ed inforna in forno già caldo, cuocendo per 20-25 minuti (a seconda del tuo forno) fino a quando la superficie sia leggermente dorata.

Terminata la cottura, sforna la torta salata alle zucchine ed attendi alcuni minuti prima di trasferirla sul piatto da portata, in modo che si rassodi un poco mentre si raffredda leggermente.

Puoi conservare la torta salata avanzata in frigorifero, coperta con pellicola per alimenti, gustandola il giorno seguente facendola intiepidire leggermente prima di consumarla o anche a temperatura ambiente, se tirata fuori dal frigo almeno un’oretta prima di mangiarla.

Note e curiosità

Nell’antichità il Basilico era adorato come pianta sacra ed utilizzato solo durante cerimonie religiose speciali.

Per fortuna, oggi non è più così poiché “l’erba del Re”, come viene anche soprannominata la suddetta pianta, è diventata parte integrante della gastronomia mediterranea che ne fa, invece, largo e sapiente uso.

L’origine del basilico è mediorientale, ma già gli antichi Romani lo coltivavano qui in Italia e successivamente, durante il Medioevo, cresceva rigoglioso e fiorente negli orti dei monasteri, diffondendosi poi man mano in tutto il mondo.

Attualmente, questa deliziosa pianta aromatica viene coltivata su ampie aree sia nel bacino Mediterraneo sia in Asia ed in Ungheria, dove cresce grazie all’abbondanza di periodi soleggiati.

Ricco di oli essenziali, il Basilico appartiene alla stessa famiglia della Menta, pianta che, invece, cresce praticamente ovunque.

Anch’essa originaria dell’area mediterranea, la Menta veniva utilizzata in epoca romana per scopi medici, in quanto ricca di ottimi nutrienti per il nostro organismo quali, ad esempio, vitamine A e C, acidi grassi, omega 3 ed importanti minerali.

Il suo nome scientifico è Mentha, derivante dal nome della ninfa greca amata da Plutone che però, a causa dell’accecante gelosia di lei, la tramutò appunto in una pianta.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram

Grazie ... ti risponderò al più presto